Ieri sera ero fuori – fuori per me vuol dire nel raggio di 3 minuti a piedi da casa – a prendere un aperitivo (analcolico, analcolico…) con una amica e mi ero bellamente dimenticata del Conclave, del papa, di tutto.

Sono senza dio, come le galline.

Bè, insomma, verso le otto meno qualcosa torno a casa, accendo la tv, per vedere il telegiornale e … zacchete! Soggettiva sul finestrone di San Pietro rossotendato, oceani di gente sotto, flash da tutte le parti. Ok, ci arrivo anch’io, evidentemente c’è stata la fumata bianca. Neanche a dirlo, scena, coreografia, allestimento, sono magnetici. Per chiunque, secondo me. O forse no, ma per me sì. Cavate le odiatissime calzature, mi schianto sul divano, gatto non pervenuto, siamo solo noi due (io e la salama).

La cena, di conseguenza, consisterà in un po’ di affettato (per Illo, chè io non lo posso mangiare) e pizza riscaldata (per me).

Bè insomma, aspetta, aspetta, aspetta… Oddìo, non ho la più pallida idea di chi fossero i candidati, ma poi i candidati lo sanno di essere candidati? Mentana parla, parla, parla, con una specie di bronchite, nonsocos’è ma fossi in lui andrei da un dottore. Bravo. Il dottore. e niente, non esce e mi scopro ansiosa rispetto ad una cosa della quale, se ci penso, non me ne frega niente, perchè in effetti non me ne frega niente, eppure invece sono ansiosa, come i butìni, che voglio solo che si apra la finestra e sapere chi sarà.

Mi tengo la panza, gesto che ormai mi è più familiare di qualunque altro. Ho anche una fame da Triceratopo, ma sto lì e aspetto, sentendomi lievemente cogliona. Rientra “inseminator”, prova a dire ci… “SHHHHHHHHHHHHHHHHHHHHTTT, C’è Il PAPA!! Ciao, siediti qua!”

Finalmente esce, dopo venti minuti di vaccate giornalistiche di vario tipo. L’audio è tremendamente fuori sincrono, ormai sono davvero emozionata (e cretina, lo so) è la mia seconda elezione di Papa, dopotutto. Mica ne ho visti tanti. Il tipo vestito di rosso dice delle cose in Latino che io fatico a comprendere.

Eccolo!!

“Fratelli e sorelle…. Buonasera!”

Beh, ci credi? Mi son messa a piangere.

Non so chi sia questo Papa Francesco (Jorge Mario Bergoglio), non so se sarà un Papa “bravo” o meno, non so niente e non me ne frega niente. Non m’importa se quel “buonasera” sia stato frutto dell’improvvisazione o di un lungo lavoro di Marketing e PR. Non me ne frega niente.

Mi ha commosso e basta.

??????????
Posto solo questa qua… Siamo noi due. 

Annunci