Tag

,

Insomma ieri pomeriggio è finito il Mondiale di F1, lungo, lunghissimo, ne son successe di tutti i colori, però da anni non c’era un mondiale così bello.

Lasciamo Kimi per un attimo, ieri giustamente non era il suo palco – ciononostante si è reso GRANDISSIMO, per dieci secondi, quando ha sbagliato strada, ha infilato un vialetto (chissà dove pensava di andare) e trovatosi di fronte un cancello chiuso, ha fatto come farebbe chiunque: retro, manovra ed è tornato indietro. Spassoso – ieri ci si giuocava il titolo. E ha vinto il più forte. Diciamocelo.

Vettel ha la macchina migliore, da almeno sette-otto gare, ok. Ma Vettel ha anche avuto delle discrete sfighe, in Bahrein partiva ultimo, ieri è stato toccato al primo giro e dopo tre curve si è ritrovato… Ultimo, bravi! Ciononostante nel volgere di cinque sei giri si è sempre ritrovato di nuovo coi primi, correndo come una furia, ieri ha cambiato dodici treni di gomme, la gomme intermedie, mentre aspettava gliele han fatte arrivare direttamente dagli stabilimenti Pirelli di Mumbai, ha corso con un buco nel fondo, insomma, non semplicissimo. Eppure ha fatto esattamente quello che serviva per vincere il Mondiale.

Quindi è il più forte, nel complesso.

Alonso, poverino, ha corso per 18 gare da solo (Massa ieri ha fatto un garone, ma 1 su 20 è un po’ pochino) con una macchina che da quattro mesi a questa parte è … come dire … LENTA. Lenta. E’ stato bravissimo, le ha tentate tutte, è andato a podio praticamente tutte le volte che è arrivato in fondo, le uniche volte che non ci è arrivato è perchè è stato fatto secco incolpevolmente alla partenza, insomma è stato commovente. D’altra parte in Formula 1 non si corre mica a piedi, si corre in macchina. Meritava più lui il titolo di Vettel? No. Sono due campioni, dotati di un talento incredibile e di testa, ha vinto chi meritava di vincere, punto.

Ieri è rimasto lì, a remare con quel cazzo di trattore, sperando che davanti e dietro facessero delle cazzate, davanti è successo, dietro, quasi, ma non è stato sufficiente. Non puoi pensare di vincere se non riesci ad andare a prendere la Force India, figuriamoci le McLaren.

Però, lo stesso, quando Hulkenberg ha fatto la cagata, ci ho sperato un po’, ma insomma, va bene lo stesso. Ecco.

Che brutto invece Xfactor, con tutte quelle polemiche gratuite, musi lunghi e incazzature (finte), brutto spettacolo. Anche Arisa, è inutile che ti incazzi tanto, avevi in mano delle carte mediocri (per non dire scadenti) hai fatto tanto anche solo ad arrivare fin lì.

Ecco. Ho un mal di testa terribile, porca troia impestata zoccola. Posso prendere solo la tachipirina, che a me fa esattamente lo stesso effetto di un bicchiere di acqua, neanche tanto fresca.

Merda.

 

Annunci