Tempo fa, non mi ricordo quando, lessi e scrissi di 1Q84, libri 1 e 2, che mi erano piaciuti un bel po’.

Mi erano piaciuti? Li avevo ADORATI. Il mondo di Kawana Tengo e di Aomame e di Fukaeri mi era piaciuto infinitamente, i personaggi fantastici, le incongruenze irrilevanti.

Avevo adorato i libri 1 e 2.

Ora ho letto finalmente il libro 3, capitolo finale del sagone. Bello lungo anche questo, copertina “Di Gran classe”, come la musica di RMC, tutto bello.

Recensione in 2 parole:

Bèla cagada.

Ora, smarcato il dubbio sul mio apprezzamento (in effetti non è che mi sia piaciuto proprio tanto tanto) possiamo andare in profondità

Recensione in + di 2 parole:

Cercherò di evitare spoilers, tanto non serve raccontare la trama, visto che praticamente in 400 pagine di libro non succede un cazzo. Il punto è che tutto il ibro è incentrato su Tengo, Aomame e un terzo personaggio, un investigatore assunto dalla setta per cercare Aomame. In questo fantomatico mondo 1Q84 (o Paese dei Gatti), che è sostanzialmente un clone della realtà, con qualche differenza.

Non c’è nessuna spiegazione, nessuna delucidazione, le pagine si susseguono, gradevoli per carità, senza uno scopo, i pochissimi colpi di scena sono prevedibili, il finale un po’ … un po’ del cazzo.

I personaggi che erano meravigliosamente definiti nella prima parte (Fukaeri, che era magnifica, in questo libro scompare, praticamente) diventano meno credibili dei cattivi di Spider man, tutto si affloscia e si trascina stancamente verso la fine, che fine non è.

Avevo scritto, commentando il mio post prima, che la prima parte mi era talmente piaciuta che comunque, anche fosse stato brutto il finale il libro mi sarebbe piaciuto. Ho mentito. Il libro 3 è talmente insulso che sperge la sua merda anche sul primo ( o meglio sui primi due).

Leggete i primi due, che sono belli ed inventatevi un finale, a cazzo. Sarà sempre meglio che leggere il ibro 3.

Stelle: 1 stella.

Giudizio sintetico: Cagata irritante.

Annunci