Siccome sono depressa (un po’) ancora, cazzeggio e ascolto musica, navigo su inderneddd, faccio cose, non vedo nessuno.

Nel cazzeggio ci ho messo dentro anche una (ulteriore) visione del concerto di Adele alla Royal Albert Hall, in HD, tiè! Che io me lo posso permettere.

Bello, bello. Adele sarà una bella mamma, secondo me. NO divagare, non divago. Bè insomma, così no, che piangi – piangi?? Piango – alla fine, che poi esplode con Rolling in the deep, e tutti i diciottomilioni di persone che ci sono lì cantano tutti insieme e poco prima si sono alzati tutti in piedi per applaudire, voglio dire, dev’essere stata una gran cosa, per lei, no?

E m’è venuta in mente una cosa… I fans di Adele SONO INTONATI. No, non sono pazza, è vero. Sono intonati, cantano giusto. Cioè mica tutti i pubblici dei concerti cantano a tono, bene, senza sbagliare. Ai concerti di Adele cantano perfetti, sembra che gli abbian fatto lezione dieci minuti prima, sono intonati. Lei a settembre 2011 era così bella, così grassa, senza scarpe (che le facevano male i piedi; ne so qualcosa) così felice. Sembra, ovvio. Eppure io mi sento meglio quando vedo una persona che RIESCE, che è felice.

Che poi non è che io sia infelice eh! Sarei ingrata e cretina a dirlo, ma sono un po’… come dire, un po’ … ROMPICOGLIONI!!!! Ecco, io non volevo dire quello ma la voce della verità – che ha il suono di quella della mia dolce metà – mi ha preceduto. Ecco, allora io sono felicissima di aver visto Adele che adesso è incinta, poi sfornerà, poi ha fatto la track per 007 e magari si stuferà o farà concerti solo negli stadi olimpici che cazzo ne so, io son contenta di averla vista in un posto piccolino ed intimo, che pochi la conoscevano.

Bè, comunque, io invidio Elena, tantissimo. Elena, per chi non lo sapesse è mia sorella, la invidio un sacco, ecco. No, non la invidio perchè è mora e bellissima, slanciata ed elegante. No. Nemmeno perchè si sta per sposare (l’anno prossimo) con un uomo che la ama da morire da che io ho ricordi, neanche perchè è medico – mica una capra come me – o perchè è sempre così… serena. No, no. Anzi. Sono felice che sia mia sorella e non la cambierei con nulla la mondo, credo che sia una delle persone per cui farei QUALUNQUE COSA, qualunque. Perchè c’è sempre, c’è sempre stata e non mi ha mai, mai, giudicato – NO divagare, non divago. – in tutte le mie cazzate.

La invidio perchè nel 1989 – Elena è MOLTO più vecchia di me Ha haaaa! – a tredici anni è andata in Arena a vedere i Pink Floyd. E lei se glielo chiedi, ancora adesso, con tutta la sua flemma ti dice che sentire Comfortably numb, il solo e poi Run like Hell, ecco è stata una delle cose più belle che abbia mai sentito. E io invece no!!!

Che quel solo lì è PIENO di “5 secondi che da soli valgono tutta la carriera di Ligabue e gli ultimi ventitre anni di Vasco Rossi”, e nella versione – a me piace quella, ok? – di Gilmour e Bowie alla Royal Albert Hall (vedi che li so fare anch’io i collegamenti astuti!?!?!) mi commuove. E basta. Mi commuove questo signore con la panza di sessant’anni, che fa stare ZITTE migliaia di persone, solo suonando la chitarra.

Voilà!

Annunci