In base a tale – condivisibile – principio, credo sinceramente che, qualora l’Italianissimo trentenne sospettato di aver violentato una ragazzina di 13 anni in un androne a Milano

E

Sospettato di essere un aggressore seriale

PER LA MAGGIOR SICUREZZA DELLE CITTADINE TUTTE

Venga al più presto messo nella condizione di non nuocere.

In considerazione del fatto che, le terapie psicologiche sembrano non essere ancora del tutto efficaci e la detenzione è – purtroppo – temporanea e non ha dimostrato efficacia nel recupero da tale tipologia di crimine,

PROPONGO

Che al suddetto sospetto, solo qualora vengano prodotte prove inconfutabili della sua colpevolezza – basterebbe la ragazzina, ma io sono garantista – vengano tagliati i testicoli e gli stessi gettati nel bidone dell’umido.

Naturalmente previa anestesia, io non sono una selvaggia.

Primum non nocere.

Annunci