Negli ultimi giorni sono stata molto impegnata a scartabellare i documenti genealogici della mia famiglia (discendenza paterna), in quanto un e-mail giunta sabato mattina da parte di un importante studio Notarile sito in Roma,  mi avvisava che sembra io abbia nobili natali.

Già. La qui presente buffona è Nobile. Nobilissima.

Tanto nobile, ho scoperto, che sono legittima pretendente (nonchè unica) al titolo di Imperatrice d’Italia. Quindi sono tutti cazzi vostri. Ho già parlato con Napolitano (simpatico vecchietto!!) e col Papa (un po’ meno simpatico, ma è tedesco, dà poca confidenza) e sono d’accordo, quindi con il 1 Ottobre entrerò in carica ufficialmente.

Eh? Berlusconi? No, nessun problema, gli ho promesso una pompa col risucchio ed è tutto contento, dice che non vede l’ora di vedermi seduta sul mio trono. Io in compenso gli ho promesso che NON lo farò mettere a morte. Posso sempre ripensarci, in quanto imperatrice godo di potere illimitato su tutti i miei sudditi.

Quindi: Avete ancora 1 settimanina scarsa di tempo per fare tanto i cazzoni, poi arrivo e vi faccio un culo così. Ho decretato che andrò ad abitare all’Hotel Cristallo a Cortina, tutto. Quindi se avevate prenotato, cazzi vostri, verrete riprotetti su qualche garnì in zona. Vado a stare lì perchè mi piace il posto, adoro sciare e perchè sono diventata onnipotente, quindi scelgo io.

Mi trovate da qualche parte, dentro, presumibilmente nella Spa, non cercatemi nel primo pomeriggio – che dormo- nè subito prima di cena – che scopo.

Bene. Ciò detto, vado ad illustrare il mio programma di governo:

1. Scioglimento immediato della Camera dei Deputati e del Senato. Fuori dalle balle! Non servono a niente, dal momento che ho deciso che la forma di governo del Paese sarà una teocrazia impostata sul culto dell’Imperatrice Anna. – Ciò comporterà che TUTTI i sudditi (eccezion fatta per chi sarà dispensato direttamente da ME) dovranno tingersi di biondo –

2. I Partiti Politici potranno rimanere tali e quali ad oggi, tuttavia non avranno alcun finanziamento. In sostanza potranno essere dei circoli culturali, nei quali si potrà disquisire amabilmente di politica, tanto non conta un cazzo, decido tutto io.

3. Confindustria, Sindacati confederati e qualsiasi altra associazione di settore dovranno parlare di-ret-ta-men-te con me. Naturalmente consigli ed opinioni da loro espressi verranno presi nella giusta considerazione. Ovvero me ne sbatto il cazzo e faccio quello che voglio. Che la Marcegaglia a me sta anche sulle balle, quindi!

3bis. Le industrie famigliari, dirette da signore sulla quarantina con una cofana mora imbarazzante, la faccia da acidona che non scopa abbastanza, che fanno pali, cemento ecc. ecc. avranno una extra tassazione del 65%.

4. Se mi giunge ancora all’orecchio la parola secessione, sposto gli Uffici della Regione veneto a Vibo Valentia e viceversa. Mantenendo le persone allo stesso posto.

5. Chi guadagna fino a 50.000 Euri l’anno pagherà il 25% di tasse (comprensivo di Contributi) chi guadagna da 50 a 100.000 Euri il 30% Chi sta oltre i 100.000 Euri, ma entro i 500.000 il 35% chi oltre i 500.000 il 40%. E’ poco? E’ tanto? Boh, non lo so. sta di fatto che lo stato si deve arrangiare con quei soldi lì. Ma i seeerviiiizi?!?!? Come si faaaa? Non mi interessa. Se ci sarà da tagliare, si taglierà. Va da sè che la pensione te la fai da te.

6. Quindi, niente più INPS. Chi lavora all’INPS andrà a fare dell’altro. Inventatevi qualcosa, checcazzo!!

7. Ampio spazio all’iniziativa privata. Arrangiatevi!

8. Eliminazione del 50% dei regolamenti burocratici in materia di impresa.

9. Vendiamo la Sardegna. Interessa?

10. Il mio appannaggio personale è fissato in Eur. 475.000 all’anno, esentasse (ovvio).
Principali benefit dell’imperatrice:

– Usufrutto dell’Hotel Cristallo a vita
– Jus Primae noctis su tutti i maschi over25, mori, scuri di occhi e carnagione, muscolosi ma non troppo e rasati.
–  Viaggi di qualunque tipo gratis. Sia per lavoro, che per rappresentanza o piacere.
– La scelta di un autovettura al mese, a mio gusto. Poi la riporto, promesso.
– L’abbigliamento dell’Imperatrice verrà cortesemente fornito dalle case di moda Italiane a titolo gratuito e fatto su misura. CHIARO? Niente maniche tipo cucciolo o vestiti che tirano sui fianchi.

Obblighi dell’Imperatrice:

– Nessuno, ovviamente. Governo per diritto divino
– Ma, siccome sono una personcina a modo:
Decidere, ogniqualvolta è necessario
Ascoltare SEMPRE i miei sudditi. Poi faccio quello che voglio, ma vi ascolto.
Rappresentare degnamente l’Italia all’estero (niente corna nelle foto, niente urla ai meeting, si mangia composti e non si legge a tavola)
Amministrare serenamente la giustizia, tipo Re Salomone.

Questo è tutto. Se vi va bene, bene. Se no inculatevi o espatriate. In ogni caso vi prometto fin d’ora che le cose andranno meglio per tutti.

A Bientòt.

Annunci